Mi hanno invitata a Piazza Pulita e non ci voglio andare

hqdefault Dirò una cosa impopolare, o almeno che può sembrare presuntuosa: se l’opinione pubblica di un paese ha degli standard molto bassi, non va assecondata. I media non dovrebbero dare al pubblico ciò che il pubblico vuole se ciò che vuole è una merda: se alle persone la politica non interessa ma piacciono le urla e gli accapigliamenti, non è che pur di guadagnare qualche punto di share uno può vendere l’anima al diavolo e regalare urla e accapigliamenti.

Sono presuntuosa e altezzosa? Può essere. Vabbè, tanto io le trasmissioni di approfondimento non me le guardo e basta, quindi si facessero la storia loro come io mi faccio la mia.

Finché non le incontro sulla mia strada.

Mi hanno invitata a Piazza Pulita e non ci voglio andare.

Sono stata invitata tre volte a partecipare a una trasmissione televisiva.

La prima volta è stata durante la faida di Scampia, perché io ero la ragazza di Scampia con la faccia pulita e dalla famiglia onesta, e quindi ero l’ideale da sbattere in prima serata.

La seconda volta è stata due anni fa: ero risultata idonea non assegnataria per la borsa di studio e avevo scritto una lettera aperta piena di rabbia a istituzioni e Adisu spiegando che non può essere concepibile il fatto che riconosci che uno non ha i soldi per studiare ma gli dici “Arrangiati”, senza preoccuparti di quello che ne viene.

La terza volta è stata oggi.

La prossima puntata sarà sulla contrapposizione tra privilegiati e sfigati, alla luce della faccenda del figlio di Lupi. Riuscite a indovinare per quale ruolo mi hanno chiamata?

Ci serve un modello da contrapporre, magari appena laureato, che ha paura del futuro, che non può costruirsi un futuro, che magari anche in passato ha avuto problemi e ce l’ha fatta da solo..”.

Sul serio, dove credete che uno la abbia la dignità?

Ho fatto politica per così tanto tempo senza ottenere attenzione che solo il pensiero che attaccarmi un post it in fronte con su scritto “Sfigata!” mi avrebbe risparmiato un sacco di energie mi snerva.

Perché non conta quello che hai da dire, conta lo share.

Non ti vogliono per il tuo percorso, per le tue idee: conta lo share.

Conta quante persone farai impietosire, la tua capacità di diventare l’ennesima storia triste del giovedì sera.

Perché il punto non è che io come un altro milione di persone sto vivendo una determinata condizione e quella condizione è un problema: conta che io sono io, la ragazza di Scampia, povera senza borsa di studio, laureata senza raccomandazioni.

Buongiorno, sono gran parte dei giovani di questo paese. Non sono l’eccezione, sono la norma.

Non sono il vostro caso umano, sono l’altra faccia dell’emarginazione delle periferie, dei tagli all’università, dell’assenza di prospettive per i giovani di questo paese.

Sono la rappresentazione plastica che fino a che inviterete figli di papà a parlare di merito e nessuno porrà il tema dell’iniquità delle condizioni di partenza starete parlando di niente.

Se volete invitare il caso, invitate il raccomandato; se qualcuno deve venire a fare l’animale da circo nei vostri studi, portate almeno l’animale raro. Quello che ce l’ha fatta.

Sempre che abbiate un contatto con la realtà sufficiente a capirlo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in blog e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Mi hanno invitata a Piazza Pulita e non ci voglio andare

  1. swann matassa ha detto:

    se terrai fede al proposito di declinare l’invito, sarai ancora parte di una minoranza. una minoranza coraggiosa, come quelle che poi muovono gli eventi. ma… non ci vuoi andare o non ci vai? fa una enorme differenza

    Mi piace

  2. Roberto ha detto:

    Il problema fondamentale di questi programmi è che sono in grado di rendere squallide anche argomentazioni interessanti. L’argomento – seppur trito e ritrito e a mio avviso banale – potrebbe essere sviluppato bene dando una vera visione della situazione; purtroppo però il moderno “giornalismo” d’inchiesta all’italiana si basa poco sui contenuti e molto su una finta empatia.
    Inoltre la scelta di una persona di Scampia è davvero pessima sotto ogni punto di vista dato che in qualsiasi quartiere e in qualsiasi città ci sono persone che hanno gli stessi problemi; senza contare che secondo me fa meno effetto di quel che possano pensare.

    Liked by 1 persona

  3. rO ha detto:

    Fai bene che non ci vai. Ma ti pare??

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...